La Donna per Matisse e il Nudo.


Tra i soggetti ritratti da Henri Matisse (1869 – 1954) il corpo femminile è uno dei più ricorrenti, pur essendo la pittura dell’artista solo parzialmente erotica e provocante. La sensualità delle modelle ritratte stride infatti con le linee marcate, i colori vivaci e i tratti in qualche modo infantili che caratterizzano i lavori del pittore.

I dipinti di Matisse si ispirano tanto a fonti occidentali quanto orientali: da un lato l’artista viene rapito dall’arte senese e dalle opere di Giotto durante un viaggio in Italia; dall’altro, alcuni dei suoi dipinti più sensuali ritraggono odalische sdraiate su drappi colorati e accostate a motivi che richiamano terre lontane, come il Marocco, visitato e amato dall’artista. Matisse stesso infatti ricordava il suo viaggio: «Le odalische erano i numerosi frutti di una felice nostalgia, di un sogno bello e vivo, e di un’esperienza vissuta quasi nell’estasi del giorno e della notte, nel fascino di un clima».

 

 

Antoinette nuda con cappello di piume, 1919.

Donna nuda sdraiata sul divano su telo verde.

Donna nuda che sogna.

La donna dormiente e il sogno.

Donna che si pettina nuda.

Matisse dipinge una modella nuda in poltrona.

Nudo di donna sdraiata.

Tre nudi di donna,1907.

Nudo rosa di donna

Donna nuda in chaise longue.

Donna dormiente su coperta rossa a fiori.

Nudo di donna di spalle.

Donna nuda su sofa rosso.

Donna nuda su poltrona gialla.

Nudo Blu di Donna. 1952.

Gran Nudo Femminile.